|

CONDIVIDI

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter

IERI POMERIGGIO, NELLA GIORNATA DELL’EUROPA, A TROPEA IL VENTESIMO “GIARDINO DELLA MEMORIA”, UNA GIORNATA PER RICORDARE LE VITTIME DI COVID 

In totale sinergia  le consulte regionali degli studenti, il comune di Tropea, l’associazione Valentia e l’istituto scolastico Don Mottola hanno portato alla creazione di una nuova area verde in ricordo delle vittime di Covid.

Dopo le aree verdi create giovedì a Policoro e San Giorno Lucano, è stato il cortile della scuola Don Mottola di Tropea ad ospitare il ventesimo “Giardino della Memoria”.

Attività realizzata grazie ai proventi del libro STORIE DA RICORDARE-Grandi imprese e solidarietà ai tempi del Coronavirus, frutto del progetto di Associazione Valentia mirato a raccogliere le testimonianze di piccoli e grandi imprenditori, del panorama politico, economico e sociale nazionale.

 

Ieri pomeriggio la piantumazione di 3 alberi d’olivo per ricordare chi non ce l’ha fatta, ed ha perso la battaglia da Covid-19.

All’evento, oltre ad alcuni studenti, che hanno inserito personalmente all’interno dell’area le piante,  hanno partecipato il Sindaco Giovanni Macrì ed il vicesindaco in rappresentanza dell’amministrazione comunale di Tropea, il coordinamento delle Consulte Provinciali Studentesche della Calabria con la Responsabile regionale delle CC.PP.SS. Franca Falduto, il dirigente scolastico dell’IC DON MOTTOLA di Tropea, Francesco Fiumara ed il Presidente dell’Associazione Valentia Anthony Lo Bianco, effettuando la ventesima piantumazione, per ricordare chi non ce l’ha fatta, ed ha perso la battaglia da Covid-19.

“Chi pianta un albero, pianta speranza” diceva la scrittrice americana Lucy Larcom ed il progetto STORIE DA RICORDARE-Grandi imprese e solidarietà ai tempi del Coronavirus, nasce proprio con questo intento: ridare speranza.

 

“Piantare un albero è un gesto importante, un segno capace di attraversare il tempo – queste le parole del presidente Anthony Lo Bianco  che ringrazia il Sindaco e l’amministrazione comunale, il dirigente scolastico, la responsabile delle CC.PP.SS Franca Falduto e tutti i bambini presenti”

I componenti della segreteria nazionale presenti dichiarano : Con queste aree verdi che stiamo inaugurando simbolicamente su scala nazionale, vogliamo ricordare chi purtroppo a causa della pandemia non c’è più. La donazione di alcuni alberi ha simbolicamente un grande valore.

La responsabile delle CC.PP.SS Franca Falduto ha dichiarato:” I miei ringraziamenti più sentiti vadano agli Studenti che sono la vera anima della scuola, sempre, e, particolarmente in questa domenica pomeriggio insieme ai loro genitori che sono stati così gentili da accompagnarli quì, a scuola, impreziosendo questo emozionante momento di crescita dell’intera comunità. In un 9 Maggio che ci ha fatto riflettere, tra i tanti valori, anche sul  concetto della vera  Giustizia grazie alla beatificazione del Giudice Livatino, ricordiando quanto sia determnante che ognuno di noi compia straordinariamente bene ogni azione quotidiana senza andare alla ricerca di iniziative straordinarie per essere una “persona giusta”. E, quindi, oggi, grazie all’Associazione Valentia in sinergia con le Consulte studentesche, il Dirigente Fiumara ed il Sindaco Macrì che tempestivamente si sono adoperati per realizzare questa piccola ma al contempo grande impresa, ci proponiamo di offrire il nostro contributo ispirati dal fulgido esempio di coloro che oggi vogliamo ricordare con rispetto  perché presto ci si possa riappropiare della serenità  che la vita di tutti merita.”

Il dirigente scolastico Fiumara:” Siamo qui riuniti sobriamente e nel rigoroso rispetto delle misure anticontagio per una testimonianza di speranza. Il vettore di questa speranza sono i nostri bambini della scuola Primaria “Papa Giovanni Paolo II” e i nostri ragazzi della scuola secondaria “Toraldo” dell’Istituto Comprensivo “Don Francesco Mottola” di Tropea, un istituto che stringe in forte unità anche le comunità di Drapia, Parghelia, Zambrone.

Il 9 maggio è una data che sprigiona molteplici suggestioni: la memoria della fine della II guerra mondiale, la celebrazione di martiri della mafia e del terrorismo (Peppino Impastato e Aldo Moro), la beatificazione del giudice Rosario Angelo Livatino, la ricorrenza della Giornata d’Europa: l’Europa federale, l’Europa delle patrie, l’Europa dell’identità plurale, l’Europa intesa come baluardo di civiltà nel rispetto dell’alterità e di ogni diversità.

Il nostro Inno alla Gioia non è solo quello della performance artistica dei nostri alunni della scuola secondaria, guidati dal prof. Laureana, ma è soprattutto quel filo rosso di solidarietà e di speranza che unisce la comunità del Borgo dei Borgo e che oggi nel cortile della scuola Primaria si arricchisce della presenza del Sindaco e della rappresentanza dell’USR Calabria da parte della prof.ssa Franca Falduto.”

Il Sindaco Macrì:” Ringrazio tutte le famiglie presenti, il Dirigente Scolastico e la dottoressa Falduto. Grazie all’associazione Valentia per la stupenda iniziativa che sta mettendo in atto in tutto il territorio nazionale. Il ricordo delle vittime di Covid19 rappresenta un momento di commemorazione importante per le comunità nel segno del ricordo e della memoria di chi, purtroppo, non è riuscito a vincere la battaglia contro questo nemico.
Oggi piantiamo degli alberi, che sono simbolici per creare un luogo che permetta di non dimenticare quello che è accaduto in questo periodo di pandemia.
Queste iniziative, inoltre, servono da monito per tutti, affinché non si sottovaluti la diffusione del virus e le conseguenze a cui può portarePiantare giovani alberi è un atto d’amore verso il nostro territorio, e mai come adesso rappresenta un forte segnale di speranza e di fiducia nel futuro”.